Home arrow Rassegna Stampa e Web arrow Sterilizzazione femminile senza chirurgia
Sterilizzazione femminile senza chirurgia Stampa E-mail

MEDICINA: FRANCIA, STERILIZZAZIONE DONNE SENZA CHIRURGIA
(ANSA) - PARIGI, 11 DIC 2003

 Un'equipe di ginecologi-ostetrici francese ha presentato oggi a Parigi il primo metodo non chirurgico di sterilizzazione femminile. Anch'esso irreversibile come quello tradizionale che ''lega'' le tube, ma non chirurgico e facilmente praticabile in anestesia locale.
Il principio del nuovo sistema, denominato 'Essure', e' identico a quello tradizionale, che resta il metodo contraccettivo piu' utilizzato nel mondo: ostruire le tube di Falloppio per impedire la fecondazione dell'ovulo da parte di uno spermatozoo. Ma invece di accedere ad esse praticando un'incisione sull'addome, il medico passa attraverso la vagina e l'utero, infilando poi una piccola molla di metallo in ciascuna tuba, secondo quanto spiegato dal professor Patrice Lopes del Centro ospedaliero universitario di Nantes, in una conferenza stampa a Parigi.
Non e' necessaria alcuna anestesia generale, ma una semplice locale e soltanto se necessario. I medici spiegano infatti che nella maggior parte dei casi e' sufficiente un semplice antidolorifico per via orale. Le donne che hanno sperimentato il sistema - sarebbero finora 10.000 nel mondo - affermano che il dolore che provano non supera quello normalmente provato durante il periodo mestruale.
Le donne che si sottopongono all'intervento non potranno piu' avere figli, esattamente come avviene con la tecnica tradizionale: ''la fibrosi che in tre mesi si sviluppa attorno alla molla ostruisce definitivamente la tuba'', ha spiegato il professor Lopes. Durante questi tre mesi, le donne sono invitate ad utilizzare un metodo contraccettivo classico. (ANSA).

Copyright 2000 - 2004 Miro International Pty Ltd. All rights reserved.
Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.

sovrappopolazione, demografia, fame nel mondo, carestie, epidemie, inquinamento, riscaldamento globale, erosione del suolo, immigrazione, globalizzazione, esaurimento delle risorse, popolazione, crisi idrica, guerra, guerre, consumo, consumismo