Home arrow Rassegna Stampa e Web arrow Sovrappopolazione, verità sconveniente. Intervista a Norman Myers
Sovrappopolazione, verità sconveniente. Intervista a Norman Myers Stampa E-mail

Da "Agenda Coscioni" numero VI (Giugno 2009)

Intervista con Norman Myers

Sovrappopoplazione, verità sconveniente

di Matteo Angioli

La demografia non è nell’agenda politica dei governi, ma la sovrappopolazione peggiora la qualità della vita e si fonda sulla violazione dei diritti fondamentali.

Lo scorso marzo la BBC ha trasmesso uno speciale su cui anche Rai o Mediaset potrebbero riflettere. In tre puntate di un’ora e mezza ciascuna, l’emittente britannica ha raccontato la «pericolosità della teoria di Darwin», ovvero il rischio di scomparsa degli elementi necessari alla sopravvivenza della biodiversità. Nel corso del documentario viene citato Norman Myers, professore di economia ambientale a Oxford e alla Duke University e padre della “teoria dei 25 hotspots”. Si tratta di 25 aree del mondo che ancora custodiscono intatto il bagaglio biologico necessario al mantenimento della biodiversità vitale anche per l’uomo e che l’uomo stesso, con la sua presenza e attività, sta progressivamente distruggendo. Per questo uno degli interessi di Norman Myers è la sovrappopolazione. Ho scoperto che Myers è anche presidente della Optimum Population Trust, una fondazione che propone una progressiva riduzione della popolazione invitando le famiglie a «fermarsi a due», due figli per coppia per scendere ad una popolazione mondiale di massimo 5 miliardi. Gli scrivo una e-mail per chiedergli un’intervista. Dopo cinque giorni mi risponde e fissiamo un appuntamento telefonico. Precisando che mi concederà “15 minuti, per 5-6 domande, ovvero 3 minuti a domanda circa”. Alle 8 di mattina, ora di Londra, lo chiamo e sono stati 15 minuti esatti.

- E’ realistica la sua proposta di ridurre ad un massimo di 5 miliardi la popolazione mondiale ?

- Sì, anche perché in 100 dei quasi 200 paesi rappresentati all’ONU, dove avere un figlio in più è proibito, si registrano benefici sociali ed economici. Ci sono oltre 200 milioni di coppie in tutto il mondo, la maggior parte in paesi in via di sviluppo, e anche in qualche paese ricco, che hanno deciso di non volere nessuno od altri figli. Il punto è che non possono tradurre in pratica questo desiderio perché non hanno alcun materiale contraccettivo a disposizione, preservativi, pillole anticoncezionali e così via. Questi diritti non soddisfatti dovrebbero essere diritti umani fondamentali, per tutte le popolazioni. Per realizzare quest’operazione, il costo sarebbe di circa 20 dollari all’anno a coppia. Per intenderci equivarrebbe ad un giorno di guerra in Iraq. Il che dimostra che il denaro per questo investimento intelligente c’è.

- Negli anni 60 il Club di Roma promosse una conferenza all’ONU sulla pianificazione familiare. In quella circostanza vi fu l’opposizione degli esponenti comunisti e della Chiesa cattolica. Alla luce di quanto ribadito Benedetto XVI in Africa a proposito del preservativo, ritiene che quest’opposizione continuerà ad aver un peso importante?

- Intanto bisogna ricordare che il paese al mondo col nucleo familiare più piccolo è proprio l’Italia e la zona italiana con nuclei familiari più piccoli è Roma. Pochi danno ascolto alle cose che dice il Papa, anche tra gli Stati. Il Papa e la chiesa hanno torto sul preservativo. E’ ridicolo, assurdo e aggiungerei anche crudele. Ma non possiamo certo accusare i cattolici per quel che dice il Papa, dobbiamo solo accettare il fatto che non sa di cosa parla. E’ lo stesso atteggiamento della maggior parte dei cattolici di tutto il mondo, non tengono veramente in conto quello che dice.

- Ci può dire qualcosa sulla politica familiare negli USA?

- La popolazione come tema politico non è più nell’agenda del governo statunitense. Del resto non lo è neanche per la Gran Bretagna, la Germania e l’Italia e molti altri Stati. E’ veramente un peccato che vi siano organizzazioni attive su questo argomento e che rimangano inascoltate. Così non andiamo certo nella direzione giusta. Alcuni politici dicono che gli OGM sono la soluzione a questo problema. Ma in che misura il cibo geneticamente modificato potrà supplire ai bisogni di una popolazione in continua crescita? Dovremmo produrne quantità immense per risolvere questo problema. Nel mondo oggi abbiamo 900 milioni di persone che soffrono la fame e questa cifra non ha fatto che crescere negli ultimi 10 anni, nonostante l’avvento degli OGM. Il cibo geneticamente modificato non è servito ad arrestare l’inedia.

- Pensa che qualche governo proporrà soluzioni come quelle portate avanti dalla sua organizzazione, la Optimum Population Trust, cioè di ridurre la popolazione ad una forchetta di 2,5 – 5 miliardi di abitanti ?

- Vorrei che fosse così, ma non credo che avverrà perché negli ultimi anni nessun governo, o veramente pochi, ha mostrato alcun interesse al tema della sovrappopolazione. E’ strano perché l’opinione pubblica ha chiaramente mostrato di voler più attenzione ai temi come la salute riproduttiva e i diritti delle donne. E’ una questione di costi-benefici, e perseguire politiche finalizzate alla limitazione del numero di componenti del nucleo familiare va in questo senso.

- L’associazione ‘Rientrodolce’, affiliata al Partito Radicale Nonviolento, propone una riduzione della popolazione mondiale a due miliardi circa, respingendo la politica violenta del ‘figlio unico’ adottata dalla Cina. Esattamente come la OPT. Ne ha mai sentito parlare?

- Sì, è certamente una buona idea. Possiamo anche ridurre a 4-5 miliardi gli abitanti della Terra in un arco di tempo di un secolo circa. La Cina ha attuato una politica violenta, ma ora il governo sembra intenzionato a passare a metodi meno violenti.*

Norman Myers è professore di Economia ambientale all’Università di Oxford e alla Duke University, esperto di demografia e presidente dell’Optimum Population Trust.

NOTA DI RIENTRODOLCE

*L'Associazione Rientrodolce rifiuta ogni tipo di coercizione, ritenendo inviolabile la libertà di procreare (o non procreare). Non ci basta dunque che la Cina adotti metodi "meno violenti". Noi auspichiamo che in Cina si affermino la libertà e la democrazia.

Copyright 2000 - 2004 Miro International Pty Ltd. All rights reserved.
Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.

sovrappopolazione, demografia, fame nel mondo, carestie, epidemie, inquinamento, riscaldamento globale, erosione del suolo, immigrazione, globalizzazione, esaurimento delle risorse, popolazione, crisi idrica, guerra, guerre, consumo, consumismo