Home arrow Documenti arrow II Congresso di Rientrodolce - Mozione generale
II Congresso di Rientrodolce - Mozione generale Stampa E-mail

II CONGRESSO DI RIENTRODOLCE

LIVORNO 2 e 3 GIUGNO 2007

MOZIONE GENERALE

Il secondo congresso dell'Associazione Telematica Radicale RIENTRODOLCE, riunito in Livorno nei giorni 2 e 3 Giugno 2007:

Rende omaggio a Piergiorgio Welby, autorevole e appassionato socio di Rientrodolce, che con la sua battaglia di libertà ha testimoniato lo stesso amore per la vita che caratterizza e guida questa associazione. Saluta con affetto Mina Welby, che, raccogliendone il testimone, ne continua la battaglia anche dall'interno di Rientrodolce.

- Udite le relazioni degli organi dirigenti le approva.

- Ringrazia gli ospiti intervenuti ad incoraggiare l'azione di Rientrodolce, augurandosi che questo possa essere l'inizio di un proficuo lavoro comune a salvaguardia del pianeta

- Richiama ancora una volta l'attenzione di Radicali Italiani e di tutte le forze politiche sulla situazione geo-ecologica generata dalla sovrappopolazione e dal paradigma di crescita materiale, reso possibile, nel nord del pianeta, dalla disponibilità della frazione a basso costo e di facile estrazione delle fonti fossili di energia e da un'economia di rapina delle principali materie prime. Oggi l'estensione di questo modello di crescita e industrializzazione a paesi come la Cina e l'India comporta gravissime e forse ormai irreparabili conseguenze per il clima della Terra, per le disponibilità di acqua, di petrolio e degli altri combustibili fossili e di tutte le risorse minerarie non abbondanti, per la fertilità e preservazione dei suoli agricoli, per la conservazione delle foreste pluviali, per l'esaurimento delle zone di pesca e per la salvaguardia delle specie viventi, delle quali è un corso un'estinzione di massa. Tutto ciò già si ripercuote sull'umanità, attraverso una urbanizzazione degradata, che ha ormai raggiunto il 50% degli abitanti e una sconfitta, dopo decenni di tentativi, nella lotta alla povertà.

- Depreca le politiche sulla famiglia che, su ispirazione della Chiesa Cattolica, vengono portate avanti in Italia con lo scopo di ostacolare la formazione e la normazione di nuovi tipi di famiglia solidale, basata sull'affetto e sul rispetto reciproco, anziché sulla procreazione, e auspica che le provvidenze previste dalla Costituzione per la famiglia vengano assegnate soltanto ai figli e con importi decrescenti al crescere di questi.

- Prende atto con favore degli indirizzi espressi dai recenti congressi dello SDI e di altri partiti della sinistra di governo, nel senso della priorità da assegnare alle politiche di tutela geo-ambientale e auspica un rafforzamento della collaborazione di Radicali Italiani con tali forze, ai fini di mitigare la transizione da una civiltà basata sui combustibili fossili ad una civiltà che rinunci alla trasformazione di energia termica in energia meccanica attraverso la combustione.

- Esprime il proprio generale apprezzamento per la proposta del partito dei Verdi di un "Patto per il Clima" e richiama tutte le forze ambientaliste alla necessità di ampliare in senso geo-ambientale i loro obiettivi e di includervi, come radice di tutti i problemi, il fattore sovrappopolazione e i relativi rimedi: contraccezione, motivazione, informazione sessuale, istruzione, salute.

- Rivolge un appello a Radicali Italiani e ai membri eletti del partito, affinché si facciano co-promotori, delle iniziative promosse da Rientrodolce per un intervento del Ministero degli Esteri italiano nel senso di favorire una evoluzione culturale, nei paesi con il maggiore tasso di fecondità per donna, nella direzione della salute riproduttiva, dell'informazione sessuale, della pianificazione familiare e della consapevolezza del contributo che una famiglia di piccole dimensioni può portare al miglioramento della vita personale e sociale.

- Indica come obiettivi possibili, in presenza di un crash program, la transizione ad energia rinnovabile della maggior parte delle fonti energetiche nazionali entro 15 - 20 anni e, in presenza di un serio impegno nazionale e internazionale, il raggiungimento del tasso di fertilità di sostituzione, entro 10 anni, come media mondiale. Ritiene conseguentemente troppo poco ambiziosi gli obiettivi posti dall'Unione Europea.

- Conferma, come obbiettivi politici dell'associazione la diffusione di ulteriore consapevolezza sulle conseguenze ecologiche e sociali della sovrappopolazione sull'intero ecosistema e sull'umanità, la realizzazione di iniziative sul campo per la riduzione dei tassi di fertilità non desiderati, la promozione di uno sviluppo ecosostenibile nei paesi del sud del mondo, e
la mitigazione della transizione da un pianeta con sette miliardi di umani ad uno con una popolazione compatibile con uno stabile equilibrio con l'ambiente planetario.

INVITA GLI ORGANI DIRIGENTI:

1) A promuovere campagne mediatiche in collaborazione con il Population Media Center e con Radicali italiani per la riduzione dei tassi di natalità non voluta nei paesi del sud del mondo.

2) A intraprendere azioni di supporto alla salute sessuale e riproduttiva anche in Italia, presso le comunità dei nuovi immigrati.

3) A contrastare la campagna natalista e di generico incremento demografico in corso in Italia, sia essa originata da considerazioni ideologiche e religiose sia da considerazioni di tipo economico. In tale azione dovrebbe anche essere compresa una richiesta di modifica alla Costituzione Italiana, laddove essa pone l'accento sulla funzione procreativa della famiglia.
Inoltre anche l'adozione da parte di famiglie atipiche dovrà essere considerata, oltre che un provvedimento utile ai figli, una misura di contenimento della natalità. L'apporto dei membri del Parlamento Italiano e del Parlamento Europeo, eletti nelle liste della Rosa nel Pugno e della Lista Bonino, sarà fondamentale per il raggiungimento di questi obiettivi.

4) A favorire, in considerazione del virtuoso declino del tasso di natalità in Italia, le iniziative di Radicali Italiani per una libertà di scelta del momento del pensionamento, correlata a una corrispondente entità della pensione, unico presidio ragionevole e liberale per governare il transitorio invecchiamento della popolazione.

5) A collaborare con Radicali Italiani per il successo del gruppo di lavoro su "ambiente, clima, energia e politica radicale", con lo scopo di raggiungere un indirizzo condiviso di politica energetica in Italia e di organizzare un convegno sugli stessi temi.

6) A sostenere con il massimo vigore , in tutte le sedi possibili, il progetto di produzione di energia attraverso l'eolico di alta quota (progetto KiteGen) e a promuovere ogni altra iniziativa di produzione di energia rinnovabile senza trasformazioni termomeccaniche e ogni provvedimento diretto a favorire l'efficienza energetica.

7) A promuovere la digitalizzazione dell'Italia, sostenendo le iniziative dirette a superare il digital divide tra città e campagna, come mezzo per la riduzione della necessità di spostamenti per lavoro.

8 ) A richiedere l'appoggio dei deputati della Rosa nel Pugno per l'inserimento nel Decreto Bersani di una norma che autorizzi, senza eccessive difficoltà, la trasformazione dei veicoli a combustione interna in veicoli elettrici.

9) A intensificare i contatti con i partiti, le associazioni e le organizzazioni che si occupano di sovrappopolazione e di limiti dello sviluppo o intendono farlo, ivi comprese le componenti geo-ecologiste dei partiti di governo e le associazioni con le quali già sono in corso iniziative comuni, tra cui l'associazione i Liberi, l'associazione Decrescita, l'associazione Rossoverde, il Comitato Nazionale Paesaggio, l'Assisi Nature Council e ASPO.

Luca Pardi  Mario Marchitti  Guido Ferretti

Copyright 2000 - 2004 Miro International Pty Ltd. All rights reserved.
Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.

sovrappopolazione, demografia, fame nel mondo, carestie, epidemie, inquinamento, riscaldamento globale, erosione del suolo, immigrazione, globalizzazione, esaurimento delle risorse, popolazione, crisi idrica, guerra, guerre, consumo, consumismo